• Lecce: itinerario vacanze

Lecce: itinerario vacanze

Luminosa e bellissima, Lecce è senza dubbio una delle località più importanti del Salento, ricca di attrazioni, divertimenti e soprattutto di storia. Lecce infatti è considerata la capitale del barocco con un centro storico caratterizzato da palazzi e chiese decorate con esuberanza ed opulenza.

Quasi tutti gli edifici sono realizzati con la famosa pietra leccese, un materiale con grande facilità d’intaglio e con un colore che conferisce una sfumatura particolare a tutto il borgo storico.

Il centro è grande e bello, formato da centinaia di stradine tortuose e vicoletti che si insinuano fra i palazzi barocchi, decine di chiese e balconi decorati con centinaia di fiori colorati.

Vediamo dunque come scoprire questo piccolo gioiello del barocco e assaporare al meglio tutto il suo fascino.

Itinerario alla scoperta di Lecce

Il nostro viaggio alla scoperta di Lecce, inizia da Piazza Sant’Oronzo, il centro della città. Qui potrete ammirare il famoso anfiteatro romano, la colonna di Sant’Oronzo, il santo protettore della città che liberò Lecce dalla peste, il sedile di Sant’Oronzo e il mosaico della lupa. Proseguendo attraverso il lungo viale di Corso Emanuele II camminerete con il naso all’insù, incontrando la Chiesa di Sant’Irene, un altro patrono della città insieme a Sant’Oronzo e a San Domenico, e le facciate dei palazzi riccamente decorati. Proseguendo troverete alla sinistra la Piazza del Duomo, una piccola meraviglia nascosta agli occhi dei visitatori frettolosi. Questa piccola meraviglia appare dopo aver attraversato una strettissima imboccatura e lascia a bocca aperta tutti i turisti che hanno il piacere di vederla.

Un duomo con un altissimo campanile, il museo ed un seminario con il chiostro, vi faranno innamorare del barocco e di Lecce. Una volta usciti da piazza Duomo, non prima di aver assaporato un bel gelato in una delle tante gelaterie e bar, proseguite ancora in direzione di porta Rudiae.

Da qui potrete poi seguire le mura di cinta e arrivare fino a Porta Napoli dove si trova il Teatro Paisiello e la chiesa di Santa Maria della Porta, con la caratteristica forma a cupola. A questo punto avrete due opzioni: o proseguire per la via principale, ossia via Principi di Savoia, per arrivare alla basilica di Santa Croce e il palazzo dei celestini, oppure gironzolare per i vicoli perdendovi fra le bellezze di Lecce e lasciandovi trasportare dall’atmosfera barocca delle sue strade.

Se avete caldo e volete riposarvi un po’, potete attraversare il chiostro che si trova nel palazzo dei celestini e poi entrare nel parco di Lecce, dove rilassarvi al fresco degli alberi e magari mangiare qualcosa. Se invece non siete ancora stanchi di visitare Lecce, continuate attraverso via XXV luglio e visitate il castello di Carlo V. Una volta usciti dal castello si può tornare nel centro storico per ammirare la chiesa di Santa Cristina, a destra dell’anfiteatro romano, e il teatro Romano.

Infine perdetevi senza paura fra le strade di Lecce, lasciatevi catturare dal suo fascino e andare a caccia di chiostri, giardini segreti, piccole chiesette e tantissimi altri monumenti.

Dove mangiare a Lecce

Il Salento non è solo mare e divertimento, ma anche e soprattutto buona cucina. Proprio per questo a Lecce, la città per eccellenza di questa zona della Puglia, troverete una cucina tipica che vi farà venire l’acquolina in bocca. La cucina leccese è semplice e genuina, preparata con i frutti del mare e della terra, raccolti e cucinati nell’immediato, per creare piatti ricchi di sapore. A dare un gusto in più le spezie del mediterraneo come menta, salvia, origano e rosmarino. Non mancano poi le verdure ed i legumi che vengono cucinati in pentole di terracotta, condite con un filo d’olio extravergine d’oliva e servite insieme con le friselle, il gustoso pane salentino tostato e biscottato. Fra i piatti tipici per eccellenza di Lecce troviamo il rustico leccese, un piatto formato da due dischi di pasta sfoglia farciti con mozzarella, pomodoro, besciamella, noce moscata e pepe. Ottima pure la puccia, una pagnotta di farina di grano duro mangiata con olive nere oppure riempita come più vi piace. Se avete voglia di provare un sapore diverso assaporate le municeddhe, delle lumachine mangiate con sugo di pomodoro oppure con prezzemolo e olio. Fra i dolci invece non perdetevi il pasticciotto leccese, da mangiare rigorosamente caldo, e i dolcetti preparati con la pasta di mandorla. E per un pranzo in perfetto stile leccese non possono mancare i vini locali, come il Negramaro, il Primitivo di Manduria ed il Salice Salentino, corposi, forti e gustosi.

Fare Shopping a Lecce

Lecce conta una lunghissima tradizione artigianale che resiste ancora oggi. Il ferro battuto, il rame, la terracotta ed il giunco, vengono utilizzate per preparare delle piccole e grandi opere d’arte. La città però è famosa per due lavorazioni particolari, quella della cartapesta e quella della pietra leccese.

La prima viene utilizzata per creare figure sacre e statue, mentre la pietra leccese serve ad ornare le facciate delle chiese e dei palazzi, lavorata con degli scalpellini, come vuole la tradizione. Le vie del centro sono piene di botteghe tipiche dove acquistare l’artigianato locale e portare via con sé un piccolo pezzetto della cultura e della storia del Salento. L’ultima domenica di ogni mese, invece, a Piazza Libertini si tiene il famoso mercatino dell’antiquariato, con tantissime bancarelle che espongono ceramiche locali e pezzi d’antiquariato.

Divertirsi a Lecce: cose da fare e da vedere

Se volete visitare il Salento e Lecce a caccia di divertimento di certo non rimarrete delusi. Lecce infatti possiede locali e bar davvero per tutti i gusti. Oltre ai pub, dove gustare birra, mangiare una cosa con gli amici e ascoltare un po’ di musica dal vivo, il centro del divertimento sono soprattutto le piazze e le strade della città che, d’estate, si riempiono di gente che passeggia, chiacchiera e si diverte. Lasciando il centro storico invece, sulla costa, si trovano discoteche, disco pub, pub e locali che animano la vita notturna di una delle mete più ambite per le vacanze.

Da Vedere
Piazza Duomo

Piazza del Duomo è il cuore di Lecce, uno spazio monumentale dove ammirare appieno il famoso stile barocco. L’ingresso alla piazza è formato da una loggia colossale adornata con una balaustra e da monumentali statue. A lasciare senza parole lo spettatore, una volta entrati, l’insieme scenografico del Seminario Vescovile, del Palazzo Arcivescovile e del Duomo. Il Duomo fu realizzato da Giuseppe Zimbalo ed è un vero capolavoro, simbolo del barocco leccese, con le sue decorazioni esuberanti ed eccessive, la facciata grandiosa e il campanile costruito nel 1682.

Da Vedere
Chiesa Santa Croce

La Chiesa di Santa Croce è un altro simbolo di Lecce. Costruita fra il Cinquecento ed il Seicento, questa chiesa venne decorata dal famosissimo scultore e pittore Giuseppe Zimbalo. Molto bella la facciata, formata da diversi elementi e riccamente adornata, come anche gli altari, realizzati, come il resto della chiesa, con la famosa pietra leccese. Si tratta di un calcare estratto dalle cave vicino alla città, tenero e facile da scolpire, con un colore dorato e caldo, che tende al rosa, e conferisce ai monumenti un’aura suggestiva.